Il Celtic distrugge l’Hearts 5-0 e si proclama campione

HEARTS 0-5 CELTIC

Sinclair (24′, 27′, 84′ pen), Armstrong (55′), Roberts (61′)

Celtic Champions 2016/17

Senza storia, per la sesta volta di fila il Celtic è campione di Scozia. La squadra di Rodgers, mai sconfitta, centra l’obbiettivo con otto turni di anticipo.

La matematica non è un’opinione. Postulato assodato per chiunque, soprattutto per il Celtic. Troppo easy, da quelle parti. Un titolo? La squadra allenata da Brendan Rodgers è campione di Scozia per la sesta volta consecutiva. Storia scritta e riscritta. Il 5-0 di oggi contro l’Heart of Midlothian è il miglior modo per festeggiare l’ennesimo trionfo.

Una corsa senza sosta, quella del Celtic. ‘Go guys, go’, l’urlo dei tifosi scozzesi. Ok, andiamo di numeri: trenta partite, 28 vittorie, 2 pareggi. Finita qua? No, sono le 0 sconfitte a sublimare l’impresa. Il Celtic, a quota 86 punti in campionato, stacca di ben 25 lunghezze la seconda classificata Aberdeen.

Giocatori esperti e calciatori in rampa di lancio, una combinazione perfetta per monopolizzare la Scottish Premiership. Moduli e schemi malleabili, dal 3-5-2 al 4-3-3. Mentalità offensiva e cervello connesso agli scarpini. E ora Brendan Rodgers, arrivato al Celtic quest’estate, è pronto ad aprire un ciclo memorabile.

Certezza in Scozia, prossimamente in Europa: ecco il Celtic

L’Europa, il ritrovato derby con i Rangers e i prospetti in rosa hanno nobilitato la stagione del Celtic. Il doppio pareggio, 3-3 e 1-1, contro il Manchester City ha illuso gli scozzesi di poter continuare il loro cammino in Europa. E proprio la prossima Champions League sarà un obiettivo da onorare al massimo da parte della Rodgers’ band.

Offensivi sì, ma soprattutto cattivi e rocciosi. Rispettando i canoni delle proverbiali highland scozzesi. In mezzo al campo, infatti, i muscoli di Nir Bitton sono stati una rivelazione importante. Un mediano d’impatto con un’ampia visione di gioco.

Ho visto devozione e ardore. Sono cresciuto assieme a questi ragazzi. Non ci sentiamo arrivati e continueremo a migliorarci.

Parola e musica di un orgoglioso Brendan Rodgers, fiero dei suoi giocatori. Giovanissimi alcuni, come i due Dembélé. Il primo è Moussa, autore di 17 gol in stagione. E addirittura il Chelsea è pronto a mettere gli occhi su di lui. Poi c’è il baby Karamoko Dembele (non ancora in prima squadra), che nell’ottobre scorso esordì con la formazione under 20 del club scozzese a soli tredici anni compiuti

Senza dimenticare Scott Sincalir, veloce ala inglese e capocannoniere della squadra. E poi Tom Rogic, trequartista australiano dopo anni di panchina si è finalmente ritagliato un posto da titolare. Ah, tornare grandi in Champions League: quello è il prossimo passo. Perché il Celtic, come ricordano i tifosi in molte coreografie, l’Europa la conquistò nella stagione stagione ’66-67 contro l’Inter di Mazzola. Perché lì, in Scozia, è davvero troppo easy. Yes, #6inarow: sesto titolo e via, il Celtic fa festa.

 

VAI ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...