Il Celtic cala il poker a Pasley

ST. MIRREN 0-4 CELTIC

Mulgrew 53′ Stokes 58′ Commons 70′, 72′ (C)

ST. MIRREN 0-4 CELTIC

Mancava ancora una “vittima” al Celtic in questa edizione della Scottish Premier League: i ragazzi di Neil Lennon, infatti, non avevano ancora giocato contro il Saint Mirren e quindi non avevano ancora avuto l’occasione di battere l’undici di Paisley. Il match “d’andata” in programma al Paradise a inizio agosto era infatti stato rinviato per l’impegno amichevole dei Bhoys contro il Liverpool e così capitan Brown e compagni non avevano ancora avuto l’occasione di misurarsi con i bianconeri.
A questa situazione ha “posto rimedio” il match del 5 gennaio scorso al St. Mirren Park, dove il Celtic si è imposto con un autoritario e meritato 4-0. Dopo un avvio abbastanza equilibrato, la prima occasione capita agli ospiti e per l’esattezza sui piedi di Mulgrew: al 14’ il numero 21 dei Bhoys lascia partire un cross la cui traiettoria sta per mandare il pallone a infilarsi sotto la traversa. Con un intervento all’ultimo istante, però, Kello riesce a deviare la sfera in corner e a salvare la propria porta. Mulgrew va, poi, ancora più vicino alla segnatura al 25’: dopo un triangolo con un compagno proprio Mulgrew entra in area di rigore dalla sinistra e lascia partire un diagonale rasoterra che, a portiere battuto, va a sbattere sulla faccia interna del secondo palo e poi ritorna in campo, finendo tra le mani di Kello che può così tirare un sospiro di sollievo.
Il Celtic continua a fare la partita, mentre il St. Mirren si rende insidioso solo con alcuni cross dalla fascia o dalla tre quarti sui quali però Ambrose e Van Dijk non lasciano scampo agli avversari intervenendo con prontezza e decisione di testa. Al 32’, dunque, sono ancora gli uomini di Neil Lennon a sfiorare il gol del vantaggio: Commons controlla il pallone appena fuori l’area di rigore avversaria e lascia poi partire un tiro che supera Kello, ma, ancora una volta, si stampa sul palo interno prima di ritornare in campo attraversando tutto lo specchio della porta. Sull’altro fronte, nel giro di due minuti, tra il 38’ e il 40’ ci provano McGinn con una conclusione dai 30 metri e Grainger con una conclusione dal limite, ma nessuno dei due riesce a centrare la porta e a impensierire Forster. Si va così al riposo sul punteggio ancora fermo sullo 0-0.
Nella ripresa, però, i padroni di casa resistono solamente altri otto minuti agli assalti del Celtic: al 53’, infatti, Matthews scende lungo la fascia destra, entra in area di rigore superando il proprio diretto marcatore e lascia partire un cross basso che trova Mulgrew ben appostato al centro dei sedici metri. Il numero 21 dei Bhoys, seppur circondato da molti compagni e avversari trova il tempo di battere a rete e con un preciso rasoterra indirizza il pallone alle spalle di Kello.
Una volta trovato il vantaggio il Celtic si “scioglie” ulteriormente e al 58’ si porta sul 2-0: rapida ripartenza dei campioni di Scozia con Ledley che, sulla tre quarti, imbecca Stokes leggermente defilato sulla sinistra. L’attaccante irlandese controlla il pallone e poi lascia partire un preciso diagonale rasoterra che si infila alle spalle di Kello e chiude così virtualmente la partita anche se al triplice fischio finale manca ancora più di mezzora.
Al 65’ lo stesso Kello con una spericolata uscita volante anticipa Forrest lanciato a rete. L’estremo difensore del St. Mirren si ripete poi nei minuti successivi deviando in corner con tuffi spettacolari le conclusioni dalla distanza di Brown e Stokes. Kello, però, non può nulla al 70’: Izaguirre arriva sul fondo sul lato sinistro dell’attacco e lascia partire un preciso cross che trova Commons ben appostato all’altezza del secondo palo. Il numero 15 del Celtic si inginocchia davanti alla linea di porta e indisturbato spinge il pallone in rete per il 3-0. E, due minuti dopo, lo stesso Commons cala il poker, realizzando così anche la propria doppietta personale: l’azione d’attacco si sviluppa ancora una volta a sinistra e stavolta e Forrest ad arrivare sul fondo e poi a mettere in mezzo un cross rasoterra e arretrato per Commons che arriva di gran carriera e di prima intenzione manda il pallone a infilarsi sotto la traversa. Al 78’ sempre Commons sfiora la tripletta, ma Kello devia la sua conclusione dalla distanza in calcio d’angolo.
Nei minuti finali il St. Mirren va a caccia almeno del gol della bandiera, ma riesce a produrre solamente un calcio di punizione nei minuti di recupero per un fallo al limite dell’area di Ambrose su Brady. McGinn, però, calcia addosso alla barriera, l’occasione sfuma e così la gara si conclude sul 4-0 in favore del Celtic.

ST. MIRREN: Kello, Naismith, McGregor, McAusland, Kelly, Newton, McGowan, McGinn, Grainger (Mair 75’), Campbell (Reilly 85’), Thompson (Brady 77’). All. D. Lennon.

CELTIC: Forster, Matthews, Ambrose, Van Dijk, Izaguirre, Forrest (Balde 79’), Brown (Biton 78’), Ledley, Mulgrew (Boerrigter 75’), Stokes, Commons. All. N. Lennon.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...