CL: Sconfitta sfortunata e immeritata al debutto in Champions League

AC MILAN 2-0 CELTIC

Izaguirre 82′ (autogol)(C) Muntari 85′ (M)

AC MILAN 2-0 CELTIC
Il Celtic fa il suo debutto nella fase a gironi della Champions League 2013/2014 a San Siro sul campo del Milan, avversario già affrontato ben tre volte negli ultimi dieci anni e con cui sono arrivate altrettante sconfitte (di cui la più beffarda a marzo 2007 per 1-0 e solo ai supplementari negli ottavi proprio di Champions).
Anche questa volta i biancoverdi di Lennon escono sconfitti dalla “Scala del calcio”, ma si rendono protagonisti di un’ottima prova che imbriglia i rossoneri per oltre 80 minuti. E’ comunque il Milan a partire meglio e già al 3’ Balotelli sfiora il vantaggio per i padroni di casa: il numero 45 del Milan colpisce il pallone al volo appena dentro l’area di rigore, ma Forster si fa trovare pronto e respinge la conclusione dell’attaccante avversario.
Il Celtic allenta la pressione al 16’: Abbiati controlla nella propria area il pallone con le mani, poi con i piedi e ancora una volta con le mani e l’arbitro Stark concede una punizione a due agli ospiti: di fronte alla nutritissima barriera rossonera posizionata praticamente sulla linea di porta Mulgrew cerca lo spiraglio giusto, ma la sua conclusione viene respinta dalla “muraglia” avversaria e il pallone termina in corner. Al 21’ è ancora Forster a diventare protagonista: cross dalla fascia destra e bel colpo di testa di Matri all’altezza del primo palo, con il portiere inglese che si salva ancora di pugno. Poco dopo la mezzora Milan ancora pericoloso con una percussione centrale di Nocerino che poi calcia di controbalzo verso la porta difesa da Forster con il pallone che si perde di pochissimo alto sopra la traversa.
Al 40’ su un disimpegno sbagliato della difesa del Milan Stokes si impossessa del pallone: l’attaccante irlandese, però, non punta direttamente la porta, ma si defila leggermente sulla sinistra consentendo così a Mexes di contrastarlo e di deviare la sua conclusione in corner. L’ultima occasione del primo tempo, infine, è ancora per il Milan e arriva nell’unico minuto di recupero: Balotelli controlla il pallone al limite dell’area e lascia partire una conclusione deviata da Ambrose. Forster è bravo a recuperare l’equilibrio e a tuffarsi sulla sua sinistra per deviare il pallone in corner.
Nella ripresa il Celtic gioca con maggiore personalità e si rende più volte pericoloso sfiorando il gol del vantaggio: comincia Samaras al 51’ quando, dopo aver puntato fronte alla porta la difesa milanista lascia partire una conclusione dal limite che si perde solo di pochi centimetri a lato della porta difesa da Abbiati. Al 60’ è ancora Samaras a provarci con un tiro deviato che impegna Abbiati alla difficile deviazione per togliere la palla dall’angolino basso: sulla respinta del portiere italiano si avventa Mulgrew che però dalla linea di fondo non riesce a trovare il cross per i compagni e così anche questa occasione sfuma. Al 63’ torna a farsi vedere il Milan: azione sulla fascia sinistra dell’attacco rossonero e cross sul secondo palo dove si inserisce Muntari che, completamente libero all’altezza della linea dell’area piccola, di testa in tuffo manda il pallone clamorosamente alto sopra la traversa.
Sull’altro fronte Stokes dalla destra serve Brown, ma il capitano del Celtic viene contrastato da un difensore proprio al momento del tiro e così non riesce a impensierire Abbiati. Molto più insidiosa la punizione dai 25 metri di Stokes all’80’, fischiata dall’arbitro Stark per un fallo sul nuovo entrato Pukki: la palla calciata dall’attaccante irlandese supera la barriera e colpisce la traversa prima di perdersi sul fondo.
Un’autentica beffa per i tifosi del Celtic accresciuta dal gol del Milan che sblocca la partita solamente un minuto dopo: Balotelli lavora un pallone sul fronte sinistro dell’attacco rossonero e serve l’accorrente Zapata che salta un uomo e conclude verso la porta di Forster. Il pallone si perderebbe sul fondo, ma Izaguirre a pochi passi dalla porta lo devia maldestramente nella propria porta e così il Milan in maniera fortunata e anche immeritata si ritrova in vantaggio di un gol. Le residue speranze di portare via da San Siro almeno un punto svaniscono definitivamente all’86’: punizione di Balotelli dal limite dell’area, Forster vola per respingere di pugno il pallone che si stava infilando all’altezza del primo palo, ma sulla sua respinta si avventano Mexes e Muntari con il centrocampista ghanese che tocca in rete per il gol del definitivo 2-0.
Prossimo appuntamento in Champions League per il Celtic la sfida casalinga di martedì 1 ottobre contro il Barcelona.

MILAN: Abbiati, Zaccardo, Zapata, Mexes, Costant (Robinho 75’), Muntari, De Jong, Nocerino, Matri (Poli 87’), Birsa (Emanuelson 64’), Balotelli. All. Allegri.

CELTIC: Forster, Lustig, Ambrose, Van Dijk, Izaguirre, Matthews (Boerrigter 75’), Brown, Mulgrew (Biton 89’), Commons (Pukki 77’), Samaras, Stokes. All. Lennon.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...