SPL: Il Celtic seppellisce di gol il Dundee Utd

CELTIC 6-2 DUNDEE UTD

Armstrong 10′ (D), Ambrose 11′ (C), Commons 22′, 55′ (pen)(C), Ledley 37′(C) Stokes 70′, 82′(C), Russell 90′ (D)

CELTIC 6-2 DUNDEE UTD
Pronto riscatto del Celtic che, dopo lo 0-3 casalingo nell’andata degli ottavi di finale di Champions League contro la Juventus, si rifà con gli interessi in campionato superando per 6-2 il Dundee United e rafforzando ulteriormente la sua prima posizione in Scottish Premier League.
L’avvio dei biancoverdi però non è dei migliori: al 10’ Mackay-Steven ruba la palla a Mulgrew sul lato sinistro dell’attacco del Dundee United, va via in progressione e poi serve con un preciso passaggio rasoterra Armstrong che entra in area e in diagonale batte un incolpevole Forster per lo 0-1 in favore degli ospiti. Passa, però, solo un minuto e la squadra di Lennon ristabilisce la parità: sugli sviluppi di un calcio d’angolo Ambrose svetta di testa più alto di tutti e manda il pallone in rete per l’immediato 1-1. Il nigeriano, così, riscatta i “disastri” difensivi e l’errore sotto porta commessi nella gara di Champions contro la Juventus di soli quattro giorni prima.
Al 22’ i padroni di casa ribaltano definitivamente il risultato: Izaguirre va via sulla fascia destra e crossa un pallone a centro area sul quale si avventa Commons che conclude in girata: Cierzniak tocca, ma non riesce a impedire che la sfera termini in rete dopo aver anche toccato l’incrocio dei pali. L’altalena di emozioni e di gol, comunque, non è assolutamente terminata ed è infatti il Dundee United ad avere una ghiottissima occasione per ritrovare la parità: al 25’ Matthews entra in scivolata su Mackay-Steven in piena area di rigore. Il numero 2 biancoverde colpisce nettamente il pallone, mandandolo in calcio d’angolo, ma nel contrasto Mackay-Steven cade a terra e incredibilmente l’arbitro concede il penalty. Sul dischetto si presenta Daly, ma Forster si distende sulla sua destra e respinge la conclusione dagli 11 metri dell’avversario, salvando così la propria porta e il 2-1 del Celtic.
Punteggio, quest’ultimo, che comunque cambia al 37’: su una corta respinta della difesa ospite Wanyama rimette il pallone in area per Stokes che, non trovando lo spazio per il tiro serve Ledley che si trova al suo fianco: il numero 16 Hoops calcia verso la porta e, complice la deviazione di un difensore, la palla si infila in rete all’incrocio dei pali. Si va così al riposo sul 3-1 in favore del Celtic anche perché proprio allo scadere, dopo una splendida azione corale, il tiro di Commons si perde alto sopra la traversa.
Nella ripresa il Celtic parte forte e Hooper sfiora il poker con una conclusione bassa su cross di Commons con il pallone che però si perde di poco a lato. Al 56’ Douglas atterra Stokes in area e l’arbitro concede il calcio di rigore, stavolta netto. Sul dischetto vorrebbe presentarsi lo stesso numero 10 padrone di casa, ma dalla panchina Lennon indica che il rigorista debba essere Commons che quindi si impossessa del pallone e trasforma il penalty con una conclusione potente e precisa. E’ 4-1 in favore del Celtic.
Attorno al 60’ torna a rendersi pericoloso il Dundee United con un’azione personale di Mackay-Steven che poi va alla conclusione impegnando Forster a un difficile intervento. Sull’altro fronte è Stokes a cercare con insistenza la via del gol: prima l’irlandese costringe Cierzniak alla respinta di pugno, poi al 71’ realizza il gol del 5-1 con una conclusione dal limite dell’area che si infila nell’angolino basso dopo un assist di Wanyama. Sempre uno scatenato Stokes all’81’ chiude il “primo set” con la sua doppietta personale: sugli sviluppi di un corner battuto dalla destra Forrest può colpire il pallone di testa indisturbato a meno di 5 metri dalla linea di porta. Cierzniak compie un autentico miracolo respingendo il pallone che però rimane alla portata di Stokes che infila in rete da distanza ravvicinatissima. Proprio allo scadere, infine, Russell in percussione centrale vince un paio di rimpalli, si invola verso la porta di Forster e lo batte con una conclusione che passa sotto le gambe del portierone inglese in uscita bassa. Finisce comunque 6-2 e il Celtic continua a volare verso il suo secondo titolo consecutivo in Scottish Premier League.

CELTIC: Forster, Matthews, Ambrose (Kayal 71’), Wilson, Izaguirre, Commons (Rogic 74’), Wanyama (Forrest 77’), Ledley, Mulgrew, Hooper, Stokes. All. Lennon.
DUNDEE UTD: Cierzniak, Watson, Dillon, McLean, Douglas, Flood (Ryan 38’), Armstrong, Rankin, Russell, Mackay-Steven, Daly (Gardyne 78’). All. McNamara.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...