CL: Il Celtic torna in Champions League

CELTIC 2-0 HELSINGBORG

Hooper 30′ (C), Wanyama 88′ (C)

Champions League - PlayOff (rit): CELTIC 2-0 HELSINGBORG

Doveva essere la notte delle notti, la serata magica che avrebbe dovuto riportare il Celtic nell’elite del calcio europeo da cui mancava ormai da 4 anni. E così è stato.
Forte del 2-0 ottenuto in terra di Svezia e recuperati alcuni infortunati illustri (Brown, Samaras, Commons) il Celtic parte col piede giusto, mostrandosi subito propositivo con Brown che ci prova senza fortuna mandando la palla oltre la traversa della porta difesa da Hansson. La partita è equilibrata e, dopo il lampo iniziale, i Bhoys sembrano voler amministrare la gara senza rischiare troppo. Lennon decide quindi di cambiare qualcosa invertendo le posizioni in campo di Commons e Samaras e la squadra nel giro di pochi minuti cambia registro, col greco ispiratissimo che crea più volte il panico nella difesa ospite con le sue galoppate. Poi il vantaggio. Corner battuto corto per Forrest che mette in mezzo di potenza, palla deviata fuori area dalla difesa che viene raccolta da capitan Scott Brown che calcia di prima intenzione verso la porta. Tiro totalmente impreciso che però è intercettato da Samaras che con grande freddezza appoggia al centro dell’area piccola dove Hooper, in posizione dubbia, si avventa sul pallone come un rapace e insacca. 1-0. Minuto 30. Il Paradise esplode, la gioia dei tifosi sembra essere incontenibile. Sospinta dal coro “We are having a party in Champions League” la squadra si fa vedere ancora in avanti prima del termine del primo tempo, con l’uno-due tra Forrest e Samaras che però non va a buon fine a causa dell’intervento di Baffo.

Nel secondo tempo come logico che fosse l’Helsingborg si rigetta in avanti alla ricerca di un pareggio cui va soltanto vicino. Prima un ottimo intervento di Fraser Forster, portiere in crescita esponenziale, impedisce alla punizione dal limite di Uronen di gonfiare la rete, poi manciata di minuti dopo Djuric colpisce invece l’esterno della rete. Nel frattempo i tifosi sostengono la squadra come raramente si vede fare in un qualsiasi stadio e il ruggito che arriva dagli spalti sembra galvanizzare la squadra. Intorno all’ora di gioco un ottimo Samaras è costretto a lasciare il posto a Tony Watt a causa di una botta alla schiena. All’80° Forrest va vicinissimo al raddoppio ma il suo tiro si stampa sul palo, lasciando il risultato ancora in bilico. Dopo Forrest sono Brown e Watt a provarci. Il capitano tira da fuori, ma il pallone è ben respinto da Hansson. Sul pallone vagante si avventa Watt, col portiere svedese che compie nuovamente un grande salvataggio. Ma la festa sugli spalti può iniziare solo qualche minuto dopo quando Wanyama, insaccando di testa un cross di Commons, sigla la rete che chiude definitivamente il match. Un doppio 2-0 contro i campioni di Svezia. La festa che inizia sugli spalti riversandosi poi nelle strade e nei pub. Il Celtic è in Champions League.

CELTIC (4-4-2): Forster; Matthews (Lustig 76), K. Wilson, Mulgrew, Izaguirre; Forrest, Brown, Wanyama, Samaras (Watt 69); Commons, Hooper (McCourt 90)
Subs not used: Zaulska, Rogne, Murphy, F. Twardzik

HELSINGBORGS (4-4-2): Hansson; Wahlstedt (Lindstrom 75), Baffo, Atta (Nordmark 80), Uronen; Bedoya, Gashi, Mahlangu, C. Andersson; Sorum (Accam 62), Djurdjic
Subs not used: D. Andersson, Bouaouzan, Alveroc

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...