SPL: IL SORPASSO

Celtic 1-0 Rangers

52′ Ledley (C)

J.Ledley

J.Ledley

Quello andato in scena la sera del 28 dicembre al Celtic Park si configura come un autentico miracolo sportivo: non tanto per la vittoria del Celtic contro i Rangers per 1-0 nel secondo derby stagionale maturata grazie a un gol di Ledley quanto perché questo successo garantisce ai Bhoys il sorpasso sui rivali cittadini dopo che Brown e compagni si erano ritrovati a -15 proprio dai Rangers il 5 novembre, quindi poco più di un mese e mezzo prima.
L’affermazione del Celtic sui rivali cittadini, che vale la vetta della Spl, è peraltro ampiamente meritato. In avvio sono proprio i Bhoys a tenere in mano il pallino del gioco e a cercare la via della rete con Hooper che arriva con un attimo di ritardo in due occasioni sul pallone su altrettanti cross provenienti dalla fascia. Anche nei minuti successivi sono i padroni di casa a continuare a fare la partita, ma sono invece i Rangers a rendersi maggiormente pericolosi. Ci vuole infatti un autentico miracolo di Forster per salvare lo 0-0: su cross dalla destra la palla arriva sul secondo palo a Wallace che all’interno dell’area piccola colpisce di testa. Forster però respinge il pallone prima che superi totalmente la linea di porta e lo manda a incocciare il palo prima che la difesa dei Bhoys liberi definitivamente e allontani il pericolo.
Il Celtic reagisce alcuni minuti dopo: Samaras controlla un cross di Forrest e serve Brown: il capitano impegna McGregor che però si salva con un bell’intervento. Ancora McGregor protagonista su un tiro dalla distanza di Hooper: il portiere dei Rangers respinge con qualche difficoltà il pallone che finisce tra i piedi di Samaras con l’attaccante greco che mette in rete. Il gol è però giustamente annullato per la posizione di fuorigioco dello stesso Samaras.
I Rangers tornano a farsi vedere con un tiro alto di McCulloch e con una deviazione pericolosa da pochi passi di Bocanegra su colpo di testa di Jelavic che però termina alta sulla traversa.
Dopo questa parentesi “blu” il finale di tempo è nuovamente di marca biancoverde: prima Forrest conclude alto da buona posizione, poi è Hooper servito da Samaras a impegnare McGregor che blocca in due tempi. Si va così al riposo sullo 0-0.
Nella ripresa il Celtic rientra in campo ancora più deciso a portare a casa la partita e al 52’ trova il meritato vantaggio: Forrest costringe McGregor a deviare in angolo un’insidiosa conclusione indirizzata all’angolo alto e sul corner battuto da Mulgrew Ledley stacca meglio di tutti e realizza di testa l’1-0 che fa esplodere Celtic Park.
Gli uomini di Lennon caricati dal vantaggio e dalla splendida atmosfera del Paradise sfiorano in più occasioni il raddoppio: Hooper viene fermato per un fuorigioco inesistente mentre si stava involando solo verso la porta di McGregor. Wanyama mette alto di testa, Brown spara sopra la traversa dall’interno dell’area di rigore e Forrest è anticipato all’ultimo istante mentre sta per avventarsi su un assist di Samaras.
Ancora Celtic pericoloso con una punizione di Mulgrew che prova a sorprendere McGregor sul primo palo, ma il portiere dei Rangers è attento e mette in angolo. Gli ospiti non riescono a rendersi pericolosi e allora sfogano la loro impotenza e frustrazione con alcuni brutti interventi sui giocatori biancoverdi. Healy e Lafferty ricevono un sacrosanto cartellino giallo per interventi al limite del codice penale, ma chi fa le spese più di tutti del gioco scorretto dei Rangers è Kayal che deve abbandonare il campo in barella. Per l’israeliano si parla purtroppo di uno stop di quattro mesi.
Questa è comunque l’unica nota stonata della serata. Il Celtic si aggiudica l’Old Firm, centra la nona vittoria consecutiva in Spl, ma soprattutto scavalca i Rangers in vetta alla classifica del campionato: un’impresa che, come detto, un mese e mezzo fa sembrava pura fantascienza.

CELTIC: Forster, Matthews, Rogne, Mulgrew, Ledley, Brown, Kayal (Ki 77’), Wanyama, Forrest, Hooper (Stokes 86’), Samaras. All. Lennon.
RANGERS: McGregor, Broadfoot, Bartley, Bocanegra, Papac, Aluko (Wylde 67’), Davis, McCulloch (Healy 79’), Wallace (Edu 79’), Lafferty, Jelavic. All. McCoist.

Advertisements

One thought on “SPL: IL SORPASSO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...